Leggi l'informativa del Regolamento Europeo GDPR - Il sito utilizza cookies per una migliore e esperienza di navigazione

Cannabis: noi, uomini e padri, diciamo NO

Manifesto contro la Cannabis: noi, uomini e padri, diciamo NO.
Come è noto in questi giorni (estate-autunno 2016) si discute in Parlamento un ddl avente come obiettivo la legalizzazione della cannabis. Noi Maschi Selvatici, come uomini e padri, in unione con tutte le associazioni che vorranno aderire a questo manifesto, intendiamo esprimere pubblicamente il nostro NO alla legalizzazione di questa droga. Ed ecco i motivi

Intendiamo, come espressione della nostra paternità, proteggere i nostri figli dal rischio di essere esposti a una sostanza tossica che può minare la loro crescita e il loro futuro scolastico e professionale.
Intendiamo, come espressione responsabile delle nostre professioni di educatori, insegnanti, psicologi… proteggere i nostri giovani dall’uso di una droga che ottunde le facoltà cognitive impedendo il sano sviluppo di una piena e matura coscienza umana.
Diciamo NO a una droga che, come dimostrano tutti gli studi scientifici, danneggia morfologicamente il cervello (particolarmente nella sua fase evolutiva fino ai 21 anni), con correlati disturbi psichiatrici, e tutti gli organi vitali così come i sistemi fondamentali dell’organismo.
Diciamo No a una droga che causa incidenti stradali e rischi per sé e per gli altri durante lo svolgimento delle attività lavorative.
Diciamo No alla scelta di uno Stato che, anziché tutelare la salute dei cittadini per il bene dei singoli e della comunità come indica la Costituzione italiana (art. 32), favorisce il consumo di una sostanza tossica ipotizzando anche eventuali introiti di discutibile valore etico e morale.
Come cittadini esprimiamo inoltre sorpresa e forte disappunto nel riscontrare che alcuni parlamentari, da noi eletti e che ricevono un notevole compenso per espletare le loro funzioni politiche, portano avanti iniziative come questa anziché profondere impegno per il bene comune e per risolvere le problematiche formative e lavorative delle nuove generazioni: queste ultime hanno bisogno di serie competenze, e non di droghe, per affrontare con vitalità e professionalità un futuro sempre più difficile.
Chiediamo che le risorse pubbliche (tempo, impegno, denaro, comunicazione mediatica…) impiegate per proporre la legalizzazione della cannabis vengano invece utilizzate per realizzare (finalmente!) campagne mediatiche e attività di prevenzione in particolare nelle scuole che, sulla base delle evidenze scientifiche, chiariscano in particolare ai giovani i pericoli legati all’uso della cannabis.
Invitiamo i nostri lettori a informarsi sui reali pericoli della cannabis consultando i seguenti volumi che traggono spunto dai più aggiornati e autorevoli studi scientifici: “Cannabis e danni alla salute” a cura del Dronet http://cannabis.dronet.org ; C. Risé, Cannabis. Come perdere la testa e a volte la vita” (San Paolo Ed., http://www.claudio-rise.it/index.php/cannabis-come-perdere-la-testa-e-a-volte-la-vita) ; A. Vanni, Adolescenti tra dipendenze e libertà. Manuale di prevenzione per genitori, insegnanti ed educatori (San Paolo Ed., http://www.antonello-vanni.it/adolescenti_tra_dipendenze_e_liberta.php) Si veda anche su Youtube il breve video in cui il farmacologo Silvio Garattini descrive i danni della cannabis in https://www.youtube.com/watch?v=gAzmzvSr5O0


Firmate anche voi questo manifesto scrivendoci alla e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. . Aggiorneremo periodicamente questo documento sul nostro sito www.maschiselvatici.it e lo invieremo al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin a cui va tutta la nostra stima perché di parere contrario alla legalizzazione. Vi preghiamo inoltre di diffondere il più possibile questo documento linkandolo sui vari social o scaricando il Manifesto in formato pdf qui sotto allegato.